Terapie Strumentali


Terapie strumentali che tramite l’applicazione precisa di alcune forme di energia inducono una stimolazione del tessuto biologico bersaglio al fine di incentivarne la guarigione.


Tecarterapia


La tecarterapia (TECAR = trasferimento energetico capacitivo resistivo), è una particolare forma di termoterapia endogena che utilizza frequenze elettromagnetiche comprese tra 0,45MHz e 0,6 MHz. Non vengono utilizzate antenne per l’emissione delle onde elettromagnetiche, bensì viene sfruttata la potenzialità del trasferimento energetico consentita dal sistema a condensatore. Il tessuto umano sottoposto alla terapia tecar avrà come effetto un aumento della temperatura interna molto profondo. A seconda dell’uso che ne farà il fisioterapista, con opportune regolazioni in base al caso clinico, si potranno avere i seguenti effetti:

  • effetto biostimolante
  • aumento del metabolismo cellulare
  • effetto antalgico
  • riattivazione del microcircolo sanguigno
  • aumento della secrezione di endorfine
  • aumento di elasticità del tessuto connettivo con riduzione delle contratture muscolari e rigidità articolare
  • drenaggio venoso e linfatico

La tecarterapia troverà quindi applicazione dopo traumi fisici, negli edemi anche profondi, nelle problematiche dolore articolare e muscolare.


Ultrasonoterapia


La terapia con gli ultrasuoni è una delle terapie più collaudate in fisioterapia, il principio fisico utilizzato sono onde sonore ad alta frequenza (1-5 Mhz), simili a quelle utilizzate per le comuni ecografie. E’ una terapia quindi essenzialmente sicura, che trova riscontro positivo soprattutto in stati infiammatori acuti dove spesso si ravvisa presenza di edema, o in caso di alterazioni capsulo-ligamentose tipiche ad esempio dell’osteoartrosi. Gli ultrasuoni espletano la loro funzione tramite due effetti : termico e meccanico.


Laserterapia


L’utilizzo del laser in fisioterapia è come per l’ultrasuono, una metodica ormai ben collaudata. L’acronimo L.A.S.E.R. significa Light Amplification Through the Stimulated Emission of Radiation, cioè amplificazione della luce attraverso emissione stimolata di radiazioni. Lo scopo della terapia laser è quello di dare un effetto antidolorifico e antinfiammatorio, dovuto alla biostimolazione cellulare indotta dall’irradiazione dell’area malata. Tale tipo di terapia trova utilizzo in quasi tutte le affezioni muscolo-scheletriche e articolari, in particolar modo nel caso vi siano piccole aree di intervento, come nel caso della mano, piede, colonna vertebrale, tendiniti ecc.


Elettroterapie


L’ambito delle elettroterapie è forse il più antico in assoluto in fisioterapia. Trova infatti impiego sia per curare il dolore muscolo-scheletrico (effetto antalgico), sia per rinforzare l’apparato muscolare tramite l’elettrostimolazione. All’interno dell’elettroterapia si possono annoverare le tens, le correnti interferenziali, microcorrenti, galvanoterapia, correnti diadinamiche, ionoforesi ecc. Ormai, grazie alla moderna tecnologia, queste modalità di utilizzo della corrente elettrica a scopo curativo sono spesso disponibili in un unico apparecchio, nei moderni modelli professionali.


Magnetoterapia


La magnetoterapia utilizza onde elettromagnetiche di bassa frequenza (5Hz-700Hz). L’effetto biologico, a seconda di frequenza ed intensità del campo elettro-magnetico, è biostimolante o analgesico. I campi di applicazione tipici includono le seguenti problematiche:

  • artrosi
  • algodistrofie
  • esiti di frattura con difficoltà di consolidamento
  • dolore muscolo-scheletrico


Novafon


Si tratta di un apparecchio di terapia a vibrazione locale, tramite le testine intercambiabili esprime una vibrazione meccanica di 100Hz e di 50Hz in grado di raggiungere i 6 cm di profondità quando usato alla massima potenza. I principali effetti della sua applicazione sul corpo umano sono la regolazione del tono muscolare, alleviamento del dolore, stimolazione della circolazione sanguigna e linfaticastimolazione della sensibilità.

Quali sono quindi gli obiettivi dell’uso del Novafon? Il dispositivo è più comunemente usato per il rilassamento e la tonificazione muscolare, alleviare il dolore da disturbi muscolari, articolari e tendinei acuti e cronici. Il trattamento viene utilizzato anche per il dolore fantasma o sindromi da dolore cronico, come la fibromialgia. Nella riabilitazione delle malattie neurologiche, la terapia viene utilizzata per il trattamento di spasticità, sensibilià alterata o disturbi sensomotori. L'obiettivo è mantenere o riguadagnare funzioni e semplificare le attività quotidiane, come scrivere, afferrare, correre o mangiare.